• Features

18 marzo 2019

Lezioni online su PIayWithAPro

Roberto Prosseda è disponibile per lezioni di pianoforte online sulla piattaforma "Play With a Pro".


5 febbraio 2019

Online l'intervista di Roberto Prosseda per Yale University

La Yale University - School of Music ha pubblicato una approfondita intervista a Roberto Prosseda in occasione del suo prossimo recital e master class a Yale, il 13 - 14 febbraio: 

Pianist Roberto Prosseda, on making music in the 21st century

"There are millions of people who use Facebook and YouTube but will never enter a classical music auditorium if first we don’t help them 'taste' and discover the intensity of a live classical music concert," Prosseda says
February 4, 2019

Roberto Prosseda

Pianist Roberto Prosseda will perform a program music by Mozart, Mendelssohn, and Schubert on a Feb. 13 Horowitz Piano Series recital. We recently spoke with Mr. Prosseda about modern modes of communication, musical expression, and the repertoire he’ll perform here at Yale.

Q: You’ve found benefits in modern modes of communication and talked about the importance of direct, in-person experience. “Today we tend to live through too many filters: for many people it now comes more naturally to communicate their states of mind and everyday experiences through social networks, rather than by meeting a friend directly in person,” you’ve written. “Live music, both for those who play and those who listen, is an experience of far greater depth, able to open channels of communication that are profound and direct.” Would you talk about how we, as artists and audience members, should use the tools at our disposal and when we should put them down?

A: Tools such as the internet and smartphones are very useful also for musicians, of course. For example, we have the possibility to find rare scores online (also browsing the digital catalogues of several libraries), or to compare several recordings of the same piece using streaming services: they are invaluable resources that past generations could not use. But today there is a concrete risk that we become slaves to our smartphones and lose the ability to keep our concentration and to enjoy “real life”: a coffee with a friend is a much more rewarding experience than a Facebook chat with the same friend. In the same way, a live concert is not comparable with a CD, and a live piano lesson is something completely different from watching a master class on YouTube. To prevent the risk of being addicted to smartphones or social media, I suggest to my students some “digital detox” during practicing sessions, switching off the mobile phone and the computer, as we do when we attend a concert.

Q: Technology has been an area of interest to you. To that end, you conducted an experiment with a robot-pianist called Teo Tronico in which you each performed the same piece of music and studied the resulting performances. What did you learn about your own playing and interpretations in that exploration?

A: The project with the pianist robot, Teo Tronico, was conceived to explain the differences between a real “human” interpretation and a literal reading of the score. Comparing my own playing with the mechanical performances of the robot was a good way for me to become more aware of those differences, and to deepen the research towards the dramaturgic and poetical elements of music—something that a robot is not able to achieve, yet.

Q: You’ve written, “A cold and calculated performance in which the only aim is to avoid mistakes will prove much more ‘wrong’ than a spontaneous, profound and not faultless performance.” In what ways do you apply this lesson to your own practice and playing and how do you communicate this idea to students who might aspire to a kind of “performance perfection”?

A: The above mentioned robotic performances should never be a model for us, but nevertheless there are students who think that “perfection” consists in just playing the right notes, literally respecting what is written in the score. From my point of view, the priority in making music is the intensity, depth, and sincerity of our musical expression. “Reading the score” also means knowing all the historical conventions, the meaning of each gesture corresponding to the indications written in the score. A wrong note played with the “right expression” is much better than a right note played with a wrong expression. But, while the score indicates the right notes in an incontrovertible way, the “right expression” is something that also relates to our own sensitivity, culture, and even creativity. And the same sign on the score (a staccato dot, or a slur) can have different meanings according to the context. When we perform a composition, we are at the same time film directors, actors, and photographers. It is fundamental to be aware of states of mind, expressive attitudes, dramaturgy, and rhetoric. Often, during lessons, I like to talk about the “depth of field” between the theme and the accompaniment, about the “focus” of a given melodic contour, of the temporal and spatial distance of the themes. The piano is, in fact, also a time machine, as it can “set” a theme in the present, the past, or the future, also defining the context in which it appears (reality, dream, memory, hope, illusion).

Q: Many of your projects have included an interdisciplinary element. Have these been informed by your curiosities, a desire to offer audiences something unique, or both?

A: When Franz Liszt, about 180 years ago, invented the format of the “piano recital,” this was a great innovation, breaking the traditional schemes and improving the connections between artist and audience. But I am quite sure that if Liszt were performing today, he would not give a piano recital in the way we are used to. The piano recital still works perfectly for audiences who are used to listening to classical music (and I still give about 30 piano recitals per year for those audiences), but there are alternative ways to present classical music in live formats, which fit better for other kinds of audiences. As a performing artist, I feel a responsibility to deliver a social and cultural service also to “the rest of the world.” There are millions of people who use Facebook and YouTube but will never enter a classical music auditorium if first we don’t help them “taste” and discover the intensity of a live classical music concert. Using multimedia formats or video teasers online can be an effective way to reach a wider audience and to give them the tools to understand and enjoy classical music.

Q: What is it about Mendelssohn’s music that’s been of particular interest to you?

A: I’ve always felt a close affinity with Mendelssohn’s lyricism. His music expresses a very wide range of moods, always keeping a perfect balance between complexity and freedom. I very much like Mendelssohn’s ability to write complex musical textures, never losing his unique linearity and rhythmical energy that are trademarks of his style. Then, I have always felt a special attraction for the “musical discoveries”: the piano repertoire still presents many unknown masterworks, and Mendelssohn’s piano output is, incredibly, lesser known than the one of Schubert, Schumann, or Chopin. For this reason, about 20 years ago I started researching Mendelssohn’s rare and unpublished pieces and got more and more enthusiastic about his music. After my first two CDs dedicated to Mendelssohn’s unpublished piano works were released, I started performing and recording the rest of his piano production, as even some published works are still quite unknown to the public and are seldom recorded. In the meantime, more unpublished manuscripts came to light, and in 2009 Breitkopf & Härtel published the new Mendelssohn Thematic Catalogue (MWV) by Ralf Wehner, which is now the reference for any Mendelssohn scholar. In recent years I’ve gradually completed recordings of Mendelssohn’s piano works, now released by Decca in a 10-CD box set. Soon after the release, I learned about a new discovery: a “Kleine Fuge,” MWV U 96, which was found among the papers of Mrs. Henriette Voigt (dated September 18, 1833). Of course, I recorded it as well, and it was digitally released worldwide on February 1.

Q: The program you’ll perform here at Yale features repertoire that was written over a 50-year period, roughly. What did this period yield in terms of innovations in the piano repertoire and the instrument itself? What do you hear of the period and the region in this particular repertoire? 

A: Those 50 years have probably been the most intense ones in the history of piano. Between 1785 and 1835, in fact, composers such as Haydn, Mozart, Clementi, Beethoven, Schubert, Mendelssohn, Schumann, Chopin, and Liszt gave their contributions to the evolution of the piano and its repertoire. The instrument had a very fast and radical evolution: the keyboard range expanded from five octaves to seven octaves and more; the action also underwent drastic developments, as did the sound production, thanks to the increased tension of the strings and the different materials used for the hammers and the other parts of the instrument. The piano language evolved in a parallel way, as composers themselves pushed piano makers to experiment with new models, and at the same time the possibilities offered by the newly built pianos inspired the composers to innovate their own ways to write for piano. For my recital, I chose the three composers to whom I’ve dedicated most of my studies: Mozart, Mendelssohn, and Schubert. The recital will open with two of the most revolutionary piano works written by Mozart: the Fantasia K. 475 and the Sonata K. 457 in C minor, published together as a diptych in 1785. Here, Mozart is very radical in using chromatic harmonies and experimenting with deep contrasts, which make this music incredibly dramatic and modern. After the Mozart I will continue with two of Mendelssohn’s masterworks: the Fantasia Op. 28 and the Rondo Capriccioso, along with some of my favorite Lieder ohne Worte. The concert will end with Schubert’s Four Impromptus Op. 90, written in the last year of his life (1828). The No. 1 in C minor has several elements in common with Mozart’s Fantasia K. 475. It will be interesting to compare the way Schubert uses similar harmonic and rhythmical patterns to reach completely new poetic results.

Roberto Prosseda will perform music by Mozart, Mendelssohn, and Schubert on Wednesday, February 13, in Morse Recital Hall. 


1 febbraio 2019

Esce oggi il terzo album Decca dedicato alle Sonate di Mozart (n. 13 - 18)

Con il terzo album, comprendente le ultime sei Sonate  (n. 13 - 18), Roberto Prosseda completa il suo progetto triennale dell'incisione integrale delle Sonate per pianoforte di Mozart. La registrazione, pubblicata da Decca il 1 febbraio 2019, sia in digitale che su CD, è stata effettuata, come le precedenti, presso la Fazioli Concert Hall di Sacile, usando un pianoforte Fazioli accordato con il temperamento inequabile Vallotti.

In questa incisione - dichiara Roberto Prosseda - ho voluto dare una lettura molto radicale delle indicazioni di articolazione e dinamica, rompendo con una certa tradizione interpretativa basata sulla morbidezza di fraseggio e sulla ricerca di un “bel suono” fine a se stesso. Al contrario, la ricerca è stata focalizzata sul dare un significato preciso e drammatico ad ogni “gesto musicale” scritto in partitura, enfatizzando i momenti di tensione drammatica, con una particolare attenzione alle scelte agogiche. Coerentemente con questa posizione, non è stata effettuata alcuna compressione del suono, lasciando quindi intatti i forti sbalzi dinamici voluti da Mozart e caratteristici di questa lettura. Anche l’uso del pedale di risonanza è stato limitato ai casi in cui ho inteso creare un “registro” ben definito, con l’intenzione di avvicinarsi all’idea della sonorità dei fortepiani sui quali Mozart ha composto queste sonate. In quest’ottica, anche il pedale “una corda” è stato regolato in modo da ottenere una maggiore differenza timbrica, così da assottigliare il suono, pur mantenendo una assoluta trasparenza anche nei pianissimi. Le Sonate per pianoforte di Mozart, e queste ultime sei in particolare, costituiscono un lascito imprescindibile per la nostra civiltà. La quantità e varietà degli atteggiamenti espressivi, la profondità dell’introspezione, la forza drammatica che Mozart qui raggiunge sono state per me una scoperta continua, fonte di costante arricchimento. Spero che l’entusiasmo che questa musica ha scatenato in me durante le sessioni di incisione possa arrivare anche all’ascolto, con la medesima intensità e gioia che mi ha dato nel suonarla.   

 

Tracklist:

CD 1
SONATA NO. 13 K 333 in si bemolle maggiore
1 I Allegro
2 II Andante cantabile
3 III Allegretto grazioso

4 FANTASIA K 475 in do minore 

SONATA NO. 14 K 457 in C minor
5 I Molto Allegro
6 II Adagio
7 III Allegro assai

SONATA NO. 15 K 533 / 494 in fa maggiore
8 I Allegro
9 II Andante
10 III Allegretto

CD 2

SONATA NO. 16 K 545 in do maggiore
1 I Allegro
2 II Andante
3 III Rondò – Allegretto

SONATA NO. 17 K 570 in si bemolle maggiore
4 I Allegro
5 II Adagio 
6 III Allegretto

SONATA NO 18 K 576 in re maggiore
7 I Allegro
8 II Adagio 
9 III Allegretto

10 SONATENSATZ K 312 (K⁶ 590d) in sol minore

Leggi

14 novembre 2018

Great success of Roberto Prosseda at Royal Festival Hall with LPO

Roberto Prosseda ha debuttato con il pedalpiano alla Royal Festival Hall, come solista con laLondon Philharmonic Orchestra. La sua esecuzione del Concerto (1889) di Charles Gounod's Concerto ha riscosso un grande successo, come testimoniano le due entusiastiche recensioni:

http://classicalsource.com/db_control/db_concert_review.php?id=15929

https://christopheraxworthymusiccommentary.wordpress.com/2018/11/17/roberto-prosseda-and-oleg-caetani-with-the-london-philharmonic-in-london/

 

Leggi

31 ottobre 2018

Nuovi video su pedalpiano prodotti dalla London Phihlarmonic Orchestra

La London Phihlarmonic Orchestra, in vista del concerto di Roberto Prosseda alla Royal Festival hall del 14 novembre, ha prodotto e pubblicato tre brevi video documentari sul pedal piano, disponibili a questi link:

Intervista sul  pedal piano, filmato a Nizza il 22 settembre 2018:
 
Intervista sul Concerto di Gounod per pedal piano:
 
Video di 1 minuto sul montaggio del pedalpiano:

 

 

Leggi

2 giugno 2018

La Cina scopre il pedalpiano con il concerto di Roberto Prosseda

 

Sold out il Concerto al pedalpiano del pianista italiano Roberto Prosseda, che per la prima volta ha portato in Cina questo affascinante strumento a tastiera, il 30 maggio al World Art Center di Pechino, nell'ambito dell'Italian Piano Experience. Uno strumento a tastiera antico e moderno insieme, di cui Prosseda è stato negli ultimi anni promotore e riscopritore: un derivato del pianoforte con una pedaliera che permette di suonare le note basse con i piedi.


Prosseda ha eseguito un programma con musiche per pedalpiano di Schumann, Boëly, Alkan, Liszt e una prima mondiale di Nicola Sani: il compositore italiano, presente in sala, ha infatti scritto una composizione espressamente dedicata a questo strumento, intitolata “Concetto spaziale - Attese II”, per pedalpiano e nastro magnetico.


“Con questo concerto - spiega Prosseda - ho voluto presentare al pubblico cinese un aspetto ancora poco noto del pianoforte, strumento qui popolarissimo. Infatti si è trattata di una prima cinese, sia per il repertorio proposto che per il pedalpiano. Particolarmente significativa la presenza del pianoforte Fazioli gran coda, che rappresenta l’eccellenza dell’alto artigianato italiano, e che per l’occasione è stato abbinato ad un pedalpiano d’epoca, a sottolineare la continuità della grande tradizione costruttiva degli strumenti a tastiera, che proprio un italiano, Matteo Ricci, ha fatto conoscere per la prima volta in Cina”.


Quello di Roberto Prosseda era il concerto finale dell’Italian Piano Experience, il festival di Pechino dedicato alla tradizione del pianoforte italiano, che dal 17 maggio ha proposto un ricco programma di concerti, conferenze e una mostra storica di strumenti a tastiera, dai più antichi ai capolavori odierni, che sarà visitabile fino al 3 giugno. Gli eventi hanno avuto luogo nell’ambito del festival “Meet in Beijing”, in cui l’Italia è “Guest Country of Honor”


La mostra e alcuni eventi dell’Italian Piano Experience saranno riproposti durante l’edizione 2018 di Cremona Musica, fra il 28 e il 30 settembre.


Italian Piano Experience è stato ideato dallo stesso Roberto Prosseda, che ne è anche direttore artistico. L’evento è stato organizzato dall’Istituto Italiano di Cultura di Pechino, con la collaborazione di Fazioli Pianoforti, Bizzi Strumenti Storici a Tastiera e Cremona Musica, per celebrare il rapporto speciale che esiste storicamente fra la Cina, primo mercato mondiale per i pianoforti, e l’Italia: già nel ‘500, infatti, il prete gesuita Matteo Ricci fece arrivare alla corte di Wan Li, della dinastia dei Ming, il primo clavicembalo italiano.


20 aprile 2018

Esce oggi il CD Decca "Gounod Piano Works"

In occasione del 200mo anniversario della nascita di Charles Gounod, la Decca pubblica oggi il CD "Gounod Piano Works", che Roberto Prosseda dedica al grande compositore francese, di cui ha precedentemente inciso l'integrale per piano-pédalier e orchestra. Il CD, inciso presso la Fazioli Concert Hall, comprende quattro prime mondiali, tra cui la grande Sonata per pianoforte a quattro mani, incisa assieme ad Enrico Pompili.   

Gounod ha composto una quarantina di brani per pianoforte in tutto e questa antologia ci consente di apprezzarne il fascino e la varietà espressiva.

La produzione del CD è stata supportata dal Palazzetto Bru Zane - Centre de musique romantique française, che favorisce la riscoperta del patrimonio musicale francese del lungo diciannovesimo secolo (1780-1920).
 


Charles Gounod: il "Mendelssohn francese".

di Roberto Prosseda

Ho deciso di esplorare la musica per pianoforte di Charles Gounod perché ritengo che sia uno dei compositori romantici più sottovalutati. Famoso per le sue opere "Faust" e "Roméo et Juliette", Gounod ha scritto circa 40 pezzi per pianoforte, e alcuni di loro, come l'ambiziosa Sonate pour piano à quatre mains (qui registrato con Enrico Pompili), sono rimasti inediti e non registrati fino ad oggi. Dopo aver registrato i completi lavori di piano per pianoforte e orchestra di Gounod (l'unico repertorio concertistico del suo catalogo) è stato per me un passo naturale scoprire anche il repertorio di pianoforte di Gounod. Gran parte dei brani inclusi in questo CD sono influenzati da Mendelssohn: Gounod conobbe Fanny Mendelssohn a Roma e gli fece scoprire il Clavicembalo Ben Temperato di Bach e i Lieder ohne Worte di Felix Mendelssohn. Non è una coincidenza, peraltro, che anche Gounod abbia composto sei Preludi e Fughe (come l'opera di Mendelssohn 35) e 6 Romances sans Paroles, con il loro raffinato lirismo post-mendelssohniano. Ma il pezzo più famoso è la "Méditation sur le 1er Prélude de JS Bach (1852)", che fu originariamente scritta per pianoforte solo: solo più tardi, nel 1859, aggiunse le parole dell'Ave Maria alla linea melodica, dando fama eterna a questo musica. Un altro pezzo di fama mondiale, originariamente scritto per pianoforte solo, è la "Marche funèbre d'une marionnette" (1872), un ritratto musicale grottesco del critico musicale britannico HF Chorley, che è stato utilizzato, in una successiva trascrizione orchestrale, per la serie televisiva di Alfred Hitchcock.
 

 

TRACKLIST 

* con Enrico Pompili

WP - World Premiere

1. La Veneziana (Barcarolle)  in G minor CG 593                                          

2. Impromptu in G major CG 580WP                                                            

3. Souvenance (Nocturne) in E flat major CG 590WP                                  

4. Marche funèbre d’une marionette in D minor CG 583                             

 

Six Romances sans Paroles:

5. No. 1: La Pervence in B major CG 585                                          

6. No. 2: Le Ruisseau in G flat major CG 589                                    

7. No. 3: Le Soir in E flat major CG 441a                                                          

8. No. 4: Le Calme (La Nonne sanglante) in D flat major CG2e WP

9. No. 5: Chanson de Printemps in A flat major CG 359a                             

10. No. 6: La Lierre (Ivy) in B flat major CG 581                               

 

11. Méditation sur le 1er Prélude de Bach (Ave Maria) in C major CG 89b

 

Six Préludes et Fugues

12. Prélude in G major CG 587 a1                                                    

13. Fugue in G major CG 587 a2                                                       

14. Choral in E minor CG 587 b1                                                       

15. Fugue in E minor CG 587 b2                                                       

16. Prélude in C major CG 587 c1                                                     

17. Fugue in C major CG 587 c2                                                       

18. Prélude in D major CG 587 d1                                                    

19. Fugue in D major CG 587 d2                                                       

20. Choral in F major CG 587 e1                                                       

21. Fugue in F major CG 587 e2                                                       

22. Choral in A minor CG 587 f1                                                       

23. Fugue in A minor CG 587 f2                                                        

 

Sonata in E flat major for piano four hands CG 617 * WP

24. I. Allegro                                                                         

25. II. Adagio                                                                        

26. III. Presto                                                                        

3.23

2.08

4.16

5.19

 

 

2.54

2.32

3.10

4.08

1.40

3.11

 

4.59

 

 

1.01

1.31

0.51

2.14

1.21

2.27

1.19

2.04

1.01

2.10

0.52

2.31

 

 

6.20

6.09

4.17

 


16 aprile 2018

Nuovo videoclip VEVO "Marche Funèbre d'une Marionnette" di Antonio Bido

Il celebre regista Antonio Bido ha firmato e realizzato il nuovo videoclip "Marche Funèbre d'une Marionnette", in occasione dell'uscita del CD "Gounod Piano Works" di Roberto Prosseda. Basato sull'incisione dell'omonimo, celeberrimo brano, il video esplora il concetto di manipolazione, giocando finemente con inquadrature insolite (effettuate anche all'interno del pianoforte), in cui l'immagine del pianista (lo stesso Prosseda) si alterna e sovrappone con quella di un manichino di legno, manipolato da un misterioso marionettista, e con quella di una giovane ballerina. Il video, girato in 4K, è disponibile sul canale ufficiale VEVO


20 novembre 2017

Decca pubblica il secondo volume delle Sonate di Mozart

Decca prosegue la pubblicazione dell'incisione integrale delle Sonate per pianoforte di Mozart, con il secondo volume, comprendente le Sonate n. 7 - 12. Roberto Prosseda ha usato lo stesso pianoforte Fazioli con la medesima accordatura (secondo il temperamento inequabile Vallotti), e ha introdotto l'uso del "sordino" nei passaggi in pianissimo, recuperando il timbro del pedale "sordino" presente in molti fortepiani dell'epoca di Mozart. Il cofanetto di 2 CD comprende anche la Fantasia K 397 in re minore, qui presentata nella versione originale di frammento, prima del completamento apocrifo, e il movimento di sonata K 400 in si bemolle maggiore. La Sonata K 331 è presentata nella versione del manoscritto originale, rinvenuto a Budapest nel 2014.

Leggi

21 agosto 2017

A settembre apre la nuova Accademia MUSICAFELIX

A partire dal settembre 2017, Roberto Prosseda terrà un corso annuale nella nuova Accademia MUSICAFELIX, da lui fondata a Prato assieme ad Alessandra Ammara, con l’intenzione di offrire ai giovani pianisti un percorso di perfezionamento completo e flessibile, che coniughi la struttura e la continuità dei corsi pluriennali con la flessibilità e la personalizzazione della lezione individuale. Maggiori dettagli sul sito www.musicafelix.it che comprende anche una ampia sezione di scritti sullo studio del pianoforte e una video gallery con precedenti master class di Roberto Prosseda. 


1 luglio 2017

Il Box "Mendelssohn Complete Piano Works" è "CD del Mese" su Amadeus

La rivista Amadeus ha premiato il cofanetto di 10 CD Decca "Mendelssohn Complete Piano Works" con il riconoscimento di "CD del Mese" nel numero di luglio 2017.  

Nella recensione, Nicoletta Sguben afferma che “Prosseda sussurra emozioni attraverso un pulviscolo cangiante di timbri, sapienza evocativa, vocalità strumentale sottilmente conturbante e un eccellente lavoro di sottrazione fino a scoperchiare la ricchezza emotiva anche di poche note. Poesia pura”. 
 
Il cofanetto è anche finalista nel prestigioso premio della critica tedesca, il “Deutsche Schallplattenkritik Preis”, nella categoria “pianoforte”. Prosseda è l'unico artista italiano presente nella categoria.  

 


7 aprile 2017

Decca pubblica il Cofanetto di 10 CD "Mendelssohn Complete Piano Works"

Il 7 aprile 2017 esce il cofanetto Decca "Mendelssohn Complete Piano Works", che comprende tutte le incisioni di Roberto Prosseda dedicate alla musica pianistica di Mendelssohn, con 59 prime registrazioni mondiali (2005 - 2015). Si tratta del coronamento di un monumentale lavoro di ricerca e di approfondimento interpretativo durato oltre 10 anni che ha tributato a Roberto Prosseda numerosi riconoscimenti e critiche entusiastiche a livello internazionale. Il booklet contiene un ampio articolo realizzato da Roberto Prosseda, oltre al catalogo delle opere pianistiche di Mendelssohn in ordine numerico progressivo nella versione più recente realizzata da Ralf Wehner (Mendelssohn Werkverzeichnis, Breitkopf, 2009).

CD 1–2
56 Romanze senza Parole
4 Fughe, Allegro con Fuoco

CD 3
Sonate

CD 4
Fantasie, Capricci, Scherzi

CD 5
Variazioni, Preludi e Fughe

CD 6
Characterstucke Kinderstucke & Etuden e altri Klavierstucke

CD 7–9
Pezzi d’occasione e Juvenilia

CD 10
Musiche per pianoforte a 4 mani e per due pianoforti
con Alessandra Ammara

Roberto Prosseda, pianoforte

 

MENDELSSOHN: COMPLETE PIANO WORKS
Nato da una famiglia ebrea alto borghese, nipote del grande filosofo Moses Mendelssohn, Felix Mendelssohn-Bartholdy fu pianista, direttore d’orchestra, compositore, scrittore, poliglotta, disegnatore e pittore, ma anche organizzatore, fondatore e direttore del Conservatorio di Lipsia. Mendelssohn incarna il perfetto connubio tra tradizione e innovazione: ha sperimentato nuove strutture musicali senza mai perdere il suo peculiare equilibrio formale, ha recuperato la grande tradizione della musica sacra di Bach e di Händel rinnovandola alla luce dell’esperienza del Romanticismo tedesco. Anche a causa delle persecuzioni antisemite di cui fu vittima, culminate con la censura della sua musica da parte del regime nazista, l’opera e la figura di Mendelssohn sono state a lungo misconosciute e fraintese.
La produzione pianistica di Mendelssohn comprende circa dodici ore di musica e per la prima volta è qui raccolta tutta in un unico cofanetto, comprendente anche numerosi brani rimasti inediti fino a pochi anni fa. Nel 2009 l’autorevole studioso mendelssohniano Ralf Wehner ha pubblicato il nuovo catalogo delle opere di Mendelssohn (Mendelssohn-Werkverzeichnis, Breitkopf, 2009), introducendo una nuova numerazione, contraddistinta dalla sigla MWV, che consente di individuare con precisione ogni composizione. La preesistente numerazione in base al numero d’opera, infatti, è incompleta e non cronologicamente ordinata: tutte le composizioni fino al numero d'opera 72 sono state pubblicate per volontà di Mendelssohn, mentre quelle con i numeri dal 73 al 121, assegnati postumi in base a criteri meramente editoriali, sono numerate secondo un ordine non voluto dal compositore. Il catalogo MWV delle opere pianistiche di Mendelssohn è qui riportato in appendice, con le corrispondenze alle singole tracce della presente incisione. Le composizioni per pianoforte solo sono indicate con la lettera U e ammontano a 199. Gli unici brani non presenti in questo cofanetto sono l’Andante e Allegro di Molto MWW U 87, in quanto si tratta di una riduzione pianistica del Capriccio op. 22 per pianoforte e orchestra, quelli il cui manoscritto è tuttora perso o irreperibile (come, ad esempio, l’Andante pastorale für Lise Cristiani MWV 193) e quelli lasciati incompiuti dall’autore, con l’eccezione del movimento di Sonata in sol maggiore MWV U 147, che è qui incluso, essendo di particolare interesse per l’estensione e l’originalità della forma.

Roberto Prosseda

Leggi

1 febbraio 2017

Intervista per Pianostreet.com sulle Sonate di Mozart

Il sito Pianostreet.com, uno dei più autorevoli e specializzati sul pianoforte, ha pubblicato una lunga intervista a Roberto Prosseda, a proposito della sua interpretazione delle Sonate di Mozart. Il testo integrale, in inglese, è disponibile qui:

http://www.pianostreet.com/blog/piano-news/immersed-in-mozart-%e2%80%93-roberto-prosseda-on-recording-the-early-sonatas-8579/

 


23 dicembre 2016

Il CD mozartiano in lizza per il Premio della critica tedesca

Il CD con le Sonate di Mozart n. 1 - 6 è stato scelto dalla giuria del prestigioso premio della critica tedesca tra i 7 Cd pianistici che competono per il Deutsche Shallplatten Preis, 1/2017: http://www.schallplattenkritik.de/…/do…/168-longlist-12017-1


22 dicembre 2016

Intervista per la Saarländische Rundfunk

 

Il 22 dicembre 2016 la Saarländische Rundfunk ha trasmesso una lunga intervista a Roberto Prosseda sul Pedal Piano e sui suoi recenti progetti. Il podcast integrale è disponibile qui:
https://www.sr-mediathek.de/index.php?seite=7&id=46540